venerdì 11 ottobre 2013

Gin Fizz


Categoria : Long Drink

Mise en place : Boston Shaker, Strainer, Highball, Gin, Succo di Limone, Sciroppo di Zucchero, Soda, Cannucce.

In grammi
45 gr. di Gin
30 gr. di Fresh lemon juice
10 gr. di Sugar syrup
80 gr. di Soda water

In cl
4.5 cl di Gin
3 cl di Fresh lemon juice
1 cl di Sugar syrup
8 cl di Soda water

In once
1 1/2 oz. di Gin
1 oz. di Fresh lemon juice
1/4 oz. di Sugar syrup
2 1/2 oz di Soda water

Vecchia ricetta from “The Bar-Tender’s Guide” by Jerry Thomas - 1876
Gin Fiz  
(Use Small bar-glass.)
4 or 5 dashes of gum syrup
Juice of half a lemon
1 small wineglass of spirits
Fill the glass half full of shaved ice, shake up well & strain into a glass. Fill up the glass with Seltzer water from a siphon and drink without hesitation.

Guarnizione : Fetta di Limone

Tecnica di procedimento : (Shaker & Strain) si prepara nel boston shaker per poi essere filtrato con lo strainer nel bicchiere da cocktail e colmato con soda.

Procedimento : mettere il ghiaccio nel bicchiere e successivamente nel boston shaker.
Versare gli ingredienti nello shaker eccetto la soda.
Shakerare e versare nel bicchiere che precedentemente è stato raffreddato.
Colmare con soda e decorare.

Nel secondo ricettario Iba del 1987 con la codifica :
Fizzes (Gin)
Shaker
One teaspoon fine sugar or
one barspoon gomme syrup
Juice of one lemon
One measure of Gin (4 cl)
Shake
Tumbler (without ice)
Fill with soda water

Nel terzo ricettario Iba del 1993 con la codifica :
Gin Fizz
3/10 Gin
2/10 Succo di limone
1/10 Sciroppo di zucchero
4/10 Soda water
Shakerare senza soda.
Versare in un bicchiere highball ed aggiungere la soda.
Guarnire con trancio di limone ed una ciliegina.

Nel quarto ricettario Iba del 2004 (categoria - Long Drink Style) con la codifica :
Gin Fizz
4 cl Gin
3 cl Lemon Juice
1 cl Gomme Syrup
8 cl Soda water
Method : Shake all except Soda water, strain
stir in soda water
Glass : Highball

Nel quinto ricettario Iba del 2012 (categoria - The Unforgettables) con la codifica :
GIN FIZZ 
Long drink
4.5 cl Gin
3 cl Fresh lemon juice
1 cl Sugar syrup
8 cl Soda water
Shake all ingredients with ice cubes, except soda water. Pour into tumbler.
Top with soda water.
Garnish with lemon slice.

STORIA
Un Gruppo Etnico è una popolazione di esseri umani in cui i membri si identificano in un
comune ramo genealogico o in una stessa stirpe e si differenziano dagli altri per una stessa cultura, lingua, religione, usi, costumi e caratteristiche fisiche.
Anche i "Fizzes", come gli esseri umani, hanno una proprio ramo genealogico con caratteristiche che si differenziano da tutti gli altri gruppi.
Le origini di questo gruppo si intrecciano con un altro grande classico drink, il "John Collins" o i "Collins".
Un gruppo di "American Drinks" che vede in grandi linee gli stessi ingredienti dei "Fizzes" ma con alcune grandi differenze.
Gruppi che negli anni si sono sempre più caratterizzati l'uno con l'altro.

Era il 1876 quando Jerry Thomas pubblicò la seconda edizione del suo ricettario, il primo manuale per i professionisti ed amanti di questa professione.
Il primo riferimento storico per questo gruppo.

Gin Fiz  
(Use Small bar-glass.)
4 or 5 dashes of gum syrup
Juice of half a lemon
1 small wineglass of spirits
Fill the glass half full of shaved ice, shake up well & strain into a glass. Fill up the glass with Seltzer water from a siphon and drink without hesitation.

Un drink da bere senza esitazione; un drink che nel 1887, Jerry Thomas nella terza ristampa del suo libro, farà alcune modifiche.

Gin Fiz.
(Use medium bar-glass.)
Take 1 tea-spoonful of powdered white sugar.
3 dashes of lemon juice.
1 wine-glass of Holland gin.
1 small piece of ice.
Fill up the glass with Apollinaris or Seltzer water, stir thoroughly and serve.

Un nome che da "Fiz" è divenuto "Fizz"; dando origine a una vasta gamma di classici.

Harry Johnson nel suo ricettario del 1882 incomincia a delinearci le prime caratteristiche che lo contraddistinguono; piccoli dettagli ma di grande significato.
In questo ricettario troveremo,infatti "Fizzes" come: 

MORNING GLORY FIZZ. 
(Use a large bar glass.)
In all first-class bar rooms it is proper to have the whites of eggs separated into an empty bottle, provided you have a demand for such a drink, and keep them continually on ice, as, by doing so, considerable time will be saved; mix as follows:
1 fresh egg (the white only); 
3/4 table-spoonful of sugar;
1 or 2 dashes of lemon juice; 
2 or 3 dashes of lime juice;
3 or 4 dashes of absinthe, dissolve well with a little water or selters;
3/4 glass filled with fine-shaved ice;
1 wine-glass of Scotch whiskey.
Shake up well with a shaker; strain it into a good sized bar glass; fill up the balance with syphon sellers or vichy water, and serve.

The above drink must be drank as soon as prepared, so as not to lose the effect and flavor.
The author respectfully recommends the above drink as an excellent one for a morning beverage, which will give a good appetite and quite the nerves (see illustration, plate No. 7).

SILVER FIZZ. 
(Use a large bar glass.)
1/2 table-spoonful of sugar;
2 or 3  dashes of lemon juice
1 wine-glass of Old Tom gin, dissolved well, with a squirt of vichy;
1 egg (the white only);
3/4 glass filled with shaved ice.
Shake up well with a shaker; strain it into a good-sized fizz-glass; fill up the glass with syphon, vichy, or selters; mix well, and serve.
This drink is a delicious one, and must be drank as soon as prepared, as it loses its strength and flavor.

GOLDEN FIZZ.
(Use a large bar glass.)
3/4 table-spoonful of sugar;
2 or 3 dashes of lemon juice;
1 wine-glass of whiskey or Tom gin (according to the customer's taste);
1 egg (the yolk only);
3/4 glassful of finely shaved ice.
Shake up well with a shaker; strain it into a good-sized fizz-glass; fill up the glass with syphon, vichy, or selters water; mix well with a spoon, and serve.

This drink will suit old Harry, and is very delicious in the hot season.
It must be drank as soon as mixed, else it will lose its flavor.

GIN FIZZ.
(Use a large bar glass.)
1/2 tablespoonful of sugar;
3 or 4 dashes of lemon juice;
1/2 glass of shaved ice;
1wine glass of Old Tom gin.
Stir up well with a spoon, strain it into a large-sized bar glass, fill up the balance with vichy or selters water, mix well and serve.
Bear in mind that all drinks called Fizz's must be drank as soon as handed out, or the natural taste of the same is lost to the customer.

BRANDY FIZZ
(Use a large bar glass.)
1/2 tablespoonful of sugar;
3 or 4 dashes of lemon juice;
3/4 of a glass of fine ice;
1 wine glass of brandy (Martell);
Mix well with a spoon, strain into a fizz or sour glass, fill with vichy or selters water, and serve.

WHISKEY FIZZ.
(Use a large bar glass.) 
1/4 tablespoonful of sugar;
2 or 3 dashes of lemon juice, dissolve with a squirt of selters water;
Fill the glass with ice; 
1 wine glass of whiskey;
Stir up well, strain into a good-sized fizz glass, fill the balance up with selters or vichy water, and serve. 
This drink must be drank as soon as mixed, in order that it should not lose its flavor.


"Nei "Fizzes" in cui vediamo l'utilizzo del bianco d'uovo è opportuno aver già separo l'albume e nel caso di un forte richiesta conservarlo in una bottiglia, tenuta sempre nel ghiaccio.
Le bevande appena preparate devono essere subito bevute per non perdere l'effetto (dell' effervescenza) e il suo aroma. (Un punto che verra preso in questione da altri ricettari.)
Inoltre, Harry Johnson consiglia di consumare il "Morning Glory Fizz" nella mattinata, un ottimo stimolante per il pranzo e sopratutto per alleviare i nervi."

Nuove creazioni, utilizzo di nuovi prodotti, hanno così portato la crescita di nuovi e più svariati "Fizzes".

Tornando sulle origini del gruppo, non si hanno leggende o fatti concreti che stabiliscono la sua creazione; o per il momento non si ha nulla.
La loro comparsa inizia come noi sappiamo con la stampa della seconda edizione del libro di Jerry Thomas; ma curiosi sono gli articoli di vecchi giornali che delineano le sue origini.


1884 - The Sedalia weekly bazoo., December 02 - Gin Fiz.


1886 The watchman and southron., November 30 - A Bar Maid’s Bonanza.


Per quanto riguarda il nome, Sharon Tyler Herbst e Ron Herbst nel loro ricettario "The Ultimate A-To-Z Bar Guide” del 1998 scrivono:

Fizz "Fizzy water" (CLUB SODA)  is what gives this drink it's name.
"L'acqua frizzante dà il nome a questa bevanda."

Curiosa descrizione.


1876 - The Stark County Democrat., May 04


In effetti l'acqua è un elemento che contraddistingue i "Fizzes" così come David A. Embury, nel suo ricettario ci racconterà.


FIZZES 
What is the difference, if any, between a Tom Collins and a Gin Fizz? No less an authority than the late G. Selmer Fougner insisted that there was no difference and that the two "are identically the same drink, made in the same manner with the same ingredients, the sole difference being that for the 'Tom Collins' a larger glass is used." As his authority (as if the colonel needed any higher authority!) he quoted from The Professional Bartenders Guide. 
It is, of course, true that the ingredients of both drinks are the same. 
Unfortunately, it is also true that today, at many bars, a Gin Fizz is made and served like a short Tom Collins. This, however, is because the old-time siphon bottle has largely disappeared from our bars and has been replaced by the individual metal-capped bottle of club soda or sparkling water. 
Now, for long drinks, such as the Collins and the Highball, that are to be consumed slowly over a substantial length of time, the modem bottled carbonated waters have a tremendous advantage over the old time siphon. The carbonic acid gas is given off slowly in minute bubbles and the life of the drink is many times as long as it is in a drink in which the charged water is added under high pressure with much fizzing and foaming. (See Soda and Ginger Ale, page 94.) Nevertheless, I insist that a Fizz should actually fizz-just as a soda fizzes when the soda jerker reverses .the handle at the fountain and delivers a fine stream of the carbonated water under high pressure into the glass. The good colonel, unfortunately, overlooked certain differences in the method of preparing and serving the two drinks, and it is those differences that distinguish the Collins from the Fizz. 
The Collins is made in a tall glass (14 to 16 ounces) with several ice cubes or an equivalent amount of cracked ice in the glass and with the charged water poured in slowly and the whole drink stirred very briefly in order that it may retain its carbonation as long as possible. The drink should be clear, like a Highball, and should never be permitted to "fizz." The Fizz, on the other hand, should be thoroughly frappeed with fine ice (three or even five minutes of shaking are none too long) , after which it is strained into a 6- to 8-ounce glass and "fizzed" by adding charged water in a fine stream under pressure. It should be served foaming exactly as the drinks served you at a soda fountain foam. Harry Johnson, in his Bartender's Manual published in the early eighties, says, "Bear in mind that all drinks called Fizz's must be drank as soon as handed out, or the natural taste of the same is lost to the customer." Harry's grammar might be improved upon, but he knew what a Fizz was. And if you can't get siphon bottles to use in making your Fizzes, I suggest that you acquire one of those clever little gadgets that can be attached to the ordinary sparkling-water bottle and enable you, by shaking the bottle and then depressing the valve, to deliver a stream under pressure similar to the siphon. Or, as an emergency measure, shake the bottle while holding the thumb over the top and then, holding the bottle at an angle of about 45°, tilt the thumb slightly and thus squirt the water into the glass. 

Quindi i "Fizzes" venivano preparati con l'utilizzo di acqua spillata da sifoni così come troviamo nella ricetta del 1876; acqua che perdeva rapidamente la sua effervescenza, quindi da qui nascerà l'esigenza di essere consumato velocemente.
Shekerati per 3 o 5 minuti per far si che siano ben freddi; serviti in un bicchiere di 6 - 8 once.

I distillati utilizzati inizialmente sono quelli come il Brandy, Whiskey e Old Tom Gin per poi con gli anni vedere l'utilizzo di altri distillati con/o insieme a liquori.
Lo zucchero sarà da alcuni utilizzato sotto forma di sciroppo come sotto forma di zucchero granulare o in altre forme.
Si vedrà inoltre utilizzare esclusivamente succo di limone; come esclusivamente il succo di lime o in alternativa, tutti e due.
L' uovo sarà un altro elemento che presenzierà nella maggior parte dei "Fizzes".
Sia come emulsionante per la schiuma (nel caso dell'albume), sia come ingrediente (vedi il tuorlo) come ad esempio il "Golden Fizz".
Saranno tutti miscelati energicamente nello shaker per poi esser versati in un bicchiere da quantità che andranno ad essere di una capienza di 6 - 8 o 10 once.
Goblet, Tumbler e colmati con seltzer.
Nel 1934 nel ricettario "Jayne's Bartender's Guide: A Practical Handbook for Professionals and Amateurs", troveremo una interessante espressione per un gruppo di drinks meritatamente popolari in quei anni.


"The fizz is something more than an art; it might almost be said to be a religion!
A fizz is an impatient drink.
Take it when it's ready-drink-and be thankful!"

Classifica dei 15 Drinks più popolari nel mondo occidentale nel 1934, stilata da Harman Burney Burke.




Per molti i "Fizzes" sono una stirpe dei classici "Sours", "Punches" o "Toddies"; di sicuro poter delineare un punto di partenza non è semplice; di sicuro negli anni questo gruppo è stato associato ai "Collins" o al "John Collins".

La prima comparsa del John Collins e del Tom Collins risalgono, una al 1869 e l'altro al 1876.

1869 - "Haney’s Steward & Barkeeper’s Manual" 
John Collins
(Use large Bar-glaas.)
Teaspoonful of powdered sugar
The juice of half a lemon
A wine glass of Old Tom Gin
A bottle of plain soda
Shake up, or stir up with ice. 
Add a slice of lemon peel to finish.

1876 - "The Bartenders Guide" di Jerry Thomas (seconda edizione del 1862) uguale per la terza edizione.
Tom Collins Whiskey.
(Use small bar-glass.)
Take 5 or 6 dashes of gum syrup.
Juice of a small lemon.
1 large wine-glass of whiskey.
2 or 3 lumps of ice;
Shake up well and strain into a large bar-glass.
Fill up the glass with plain soda water and imbibe while it is lively.

In queste primi riferimenti si potrà notare già immediatamente una preparazione del drink, diversa da quella che noi oggi conosciamo; un drink che ci indirizzerà sulla famiglia dei Fizzes.
Saranno quindi, shakerati e non costruiti direttamente nel bicchiere.

1876 - "The Bartenders Guide" di Jerry Thomas (seconda edizione del 1862)
Gin Fiz 
4 or 5 dashes of gum syrup
Juice of half a lemon
1 small wineglass of spirits
Fill the glass half full of shaved ice, shake up well & strain into a glass. Fill up the glass with Seltzer water from a siphon and drink without hesitation.

1887 - "The Bartenders Guide" di Jerry Thomas (terza edizione del 1862)
Gin Fiz
1 tea-spoonful of powdered white sugar
3 dashes of lemon juice
1 wine-glass of Holland gin
1 small piece of ice
Fill up the glass with Apollinaris or Seltzer water. Stir thoroughly and serve.

Nella seconda edizione del ricettario di Jerry Thomas il “Gin Fizz” verrà shakerato, mentre nella edizione del 1887 il drink verra mescolato.
Queste ricette iniziali, posso essere causa delle grandi confusioni e discussioni che sono sorte negli anni.
Nel 1948, David A. Embury nel suo ricettario "The Fine Art Of Mixing Drinks" delinea le prime differenze tra le due tipologie di drinks.

Innanzitutto la prima differenza tra i due gruppi sono le quantità.
I Collinses sono drinks dalle grosse quantità, quindi necessitano di un bicchiere dalle grosse capacità, proprio come il bicchiere che prende il nome dal gruppo, il bicchiere Collins che andrà come capacità tra le 14 alle 16 once.

Fizzes sono drinks dalle piccole quantità che necessitano di un bicchiere che dovrà avere una capacità di 8 once circa.
Secondo importante differenza è il tempo di consumo.
I Collinses essendo di grosse quantità, saranno consumate lentamente, quindi avranno bisogno del ghiaccio per mantenere la loro temperatura.
I Fizzes essendo di piccole quantità, verranno consumate immediatamente.
Harry Johnson nel suo ricettario del 1882 ci suggerirà:

"Bear in mind that all drinks called Fizz's must be drank as soon as handed out, or the natural taste of the same is lost to the customer."

Quindi dovranno essere bevuti appena serviti per non far si che il gusto non si perdi.
Dunque non avranno bisogno di ghiaccio all'interno del bicchiere, perché dovranno essere refrigerati, shekerandoli.

I Collinses che saranno bevuti lentamente rispetto ai Fizzes, pertanto dovranno riuscire a mantenere la loro effervescenza più allungo possibile.

David A. Embury ci spiegherà che le moderne bottiglie di soda hanno un enorme vantaggio rispetto al vecchio sifone.
Questo perché con l'ausilio di una chiusura, queste bottiglie mantengono una effervescenza più lunga, cedendo il gas all'interno del bicchiere più lentamente rispetto a un sifone che all'interno del drink andrà immediatamente a perdersi.
Inoltre i Collinses dovranno essere mescolati brevemente in modo che possano mantenere la loro effervescenza, mentre per i Fizzes sarà si importante l'effervescenza ma non importerà se sarà prolungata, quindi sarà ottimo servirli con soda del sifone.

domenica 6 ottobre 2013

Cuba Libre Cocktail


Categoria : Long Drink

Mise en place : Rum chiaro, Coca-cola, Ghiaccio, Lime , bicchiere Highball.

In cl
5 cl di Rum Chiaro
12 cl di Coca Cola
1 cl di Succo di Lime

In once
1 3/4 oz di Rum chiaro
4 oz di Coca cola
1/4 oz di Succo di Lime

Vecchia ricetta From "The Old Waldorf-Astoria Bar Book" by Albert Stevens Crockett (N.ed. del 2003) 
CUBA LIBRE
Half portions of Bacardi and Coca Cola

Guarnizione : fettina di lime

Tecnica di procedimento : (Build) si prepara direttamente nel bicchiere.

Procedimento : mettere il ghiaccio nel bicchiere Highball e versare gli ingredienti. Fare attenzione nello spremere una fettina di lime all'interno del bicchiere e decorare con una fettina di lime.

Nel quarto ricettario Iba del 2004 (categoria "The Most Popular") con la codifica :
Cuba Libre
5 cl White Rum
10 cl Cola
Method : Build
Glass : Highball
Garnish : Lime wedge

Nel quinto ricettario Iba del 2011 (categoria "Contemporary Classics") con la codifica :
CUBA LIBRE 
Longdrink
5 cl White Rum
12 cl Cola
1 cl Fresh lime juice
Build all ingredients in a highball glass filled with ice. Garnish with lime wedge.


Storia
Nella ricerca di qualche notizia che mi potesse avvicinare e capire cosa fosse realmente il "Cuba Libre", ho potuto trovare molte leggende sulla sua creazione e molte informazioni sulla sua composizione.
Di certo riuscire a dare un risposta certa sulla sua nascita e creazione sembrerebbe difficili e come inoltre sembrerebbe capibile di come mai negli anni si sia sempre più confuso la realizzazione del drink.

Per primo si può affermare che "Cuba Libre" ha un significato politico; un grido di libertà che nasce dalla liberalizzazione di Cuba dal colonialismo Spagnolo.
Era il 1898 quando i Cubani grazie all'aiuto e l'intervento del' esercito Americano, riuscirono a diventare un paese libero.
Da qui l'unione e la creazione del drink.
Il Rum prodotto Cubano, La Coca Cola prodotto Americano.
E Cuba, Libera! - "Cuba Libre!" 

Molte sono le leggende accreditate che circolano sul "Cuba Libre"; una delle tante storie, vede come protagonista Fausto Rodriguez, giovane messaggero per conto delʼufficio Signal Corps durante la guerra per lʼindipendenza Cubana nel 1898.
Il 21 dicembre 1964 sotto giuramento, racconterà a Emilito Bacardi che divenne amico di un Americano che di cognome era Russell; nome oscurato ma che per alcune fonti Fausto intendeva il 26° presidente degli Stati Uniti dʼAmerica; Theodore Roosevelt.
Un Americano che lavorava presso lʼufficio Chief Signal Officer.
Un pomeriggio delʼ agosto del 1900 andò con questo amico in un bar, dove Russell era solito bere Rum Bacardi e Coca Cola.
In quella occasione nel American bar si trovarono un gruppo di soldati Americani che incuriositi dalla bevanda che stava bevendo Russell, gli chiesero cosa fosse quel drink. 
Russell rispose che era Bacardi e Coca-Cola e suggerì di provarlo.
Una volta provato i soldati Americani chiesero a sua volta quale fosse il nome.
Russell rispose che non aveva ancora un nome; quindi un soldato, immediatamente suggerì di trovarne subito uno. Un soldato propose “Cuba Libre”.

Tuttavia sembrerebbe che questa storia sia infondata, questo perché con la fine della guerra d'indipendenza Cubana i Rough Riders capitanati da Theodore Roosevelt avrebbero lasciato l'isola nel settembre del 1898. 
Vedi - (http://www.theodoreroosevelt.org/life/Rough_Riders.htm)
Mentre la Coca-cola non arrivò a Cuba fino la fine del' anno 1900. 
Vedi - (http://www.thecoca-colacompany.com/heritage/chronicle_man_named_woodruff.html).

Tra le altre tante storie un altra leggenda racconta che il drink è semplicemente l'evoluzione del "Daiquiri".
I soldati Americani sbarcati a Santiago di Cuba fecero il primo incontro con quello che era il “Daiquiri” e probabilmente non abituati a quello che era il suo sapore aspro e forte, provarono ad allungarlo con la Coca-Cola.

Secondo alcuni questa leggenda è probabilmente priva di fondamenti.
Il "Daiquiri" per alcune fonti nasce proprio alla fine del 1898 o per il povero soldato assetato o per la semplice evoluzione della "Canchánchara", mentre per altre bisognerà aspettare il 1905 quando i due ingegneri miscelarono il rum, lo zucchero e il succo di lime.
La Coca Cola che fu creata nel lontano 1886, riuscì ad arrivare a Cuba soltanto alla fine del 1900.
Ma secondo altre fonti, la bibita dall' anno della sua creazione ad arrivare alla fine del secolo, riuscì ad essere ben presto famosa e in voga; quindi sarebbe possibile pensare che un prodotto del genere avrebbe raggiunto Cuba da qualche nave Americana.

Personalmente prima del' avvento della Coca-Cola e quindi delle prime bibite con aggiunta di estratti naturali vi erano in commercio le prime acque gassate che erano spesso utilizzate come ingredienti nei Cocktails.
Quindi mi verrebbe da pensare che il "Cuba Libre" potrebbe essere l'evoluzione di un altro drink e non del "Daiquiri".
Una mia supposizione che non ha nulla di fondato.

1934 (ristampa del 1882) - From “New and Improved Bartender's Manual” by Harry Johnson
HIGHBALL.
(Use a medium size fizz glass.)
Mix as follows:
2 or 3 lumps of clear crystal ice;
1 wine glass of Scotch whiskey;
Fill up a glass with ice-cold syphon vichy;
if customer requires whiskey, gin, brandy or highball, you must then use the liquor accordingly.

Nelle ultime ricerche, ho potuto trovare un interessante traccia che potrebbe mettere in discussione, l'origine del "Cuba libre" o per lo meno il luogo della creazione.
Con la fine della guerra d'indipendenza di Cuba; il 24 Ottobre del 1898 a Santa Cruz del Sur, Camaguey a Cuba si svolse l'Assemblea Generale dell'Esercito Rivoluzionario Cubano.
In questa occasione furono eletti i 5 membri che furono a sua volta incaricati di recarsi a Washington per incontrare il Presidente degli Stati Uniti d'America, William McKinley.

Generale Calixto García Iñiguez - come Presidente della Commissione.
Generale José Miguel Gómez - che era stato comandante della Quarta Armata, che operava nei pressi della città di Cienfuegos. E 'stato poi il presidente di Cuba 1909-1913
Il colonnello Manuel Sanguily - del famoso "salvataggio di Sanguily"
Il tenente colonnello José Ramón Villalón Sanchez - che ha partecipato alla Assemblea in qualità di rappresentante della Sesta Armata - Pinar del Río
Il dottor José Antonio González Lanuza - che pure era stato Presidente della Giunta rivoluzionaria di quella città.  



Nella foto, da sinistra a destra sono, seduti:

José Miguel Gomez
Calixto García Iñiguez (al centro)
Julio Sanguily
in piedi:
José Ramón Villalón Sanchez
Jose Antonio Gonzalez Lanuza

Tutto il resto è storia come in questo articolo di giornale che ci racconta l'arrivo della commissione cubana a Washington e del loro drink di benvenuto.


1 Dicembre del 1898 - Evening Star.
The commission representing the assembly of Cuba, a body which stands In the same relation to the people of the Island as the Continental Congress did to the patriots of the American revolution, arrived in Washington last night from New York. 
The party comprised Gen. Calixto Garcia, Gen. Jose Miguel Gomez. Col. Manuel Sanguilly, Jose Antonio Gonzalez Lanuza and Jose R. Villalon, members of the commission; Horatio S. Rubens, counselor of the commission: Capt. Richard Kohly, an aid, and a colored Cuban attendant. 
At the depot the travelers were greeted by Gonzalo de Quesada and Ricardo Diaz Albertini of the Cuban legation here, and Senor Casanova, a member of the Cuban assembly, now in Washington. 
A warm welcome awaited the Cubans at the Raleigh, where they are quartered, and up on their arrival tiny were introduced to and refreshed by glasses of the concoction known as the Cuba libre cocktail.
This liquid was served in frosted glasses decorated with small American and Cuban flags, with a sprig of mint between them.


Un interessante Cocktail di benvenuto decorate con due piccole bandiere.
E se fosse un drink creato negli Stati Uniti d'America dalle mani di un Bartender del luogo?
Questo non si sa ma probabilmente si avranno nuove informazioni negli anni avvenire.
A voi la scelta.


"Un altra versione sosterrebbe che il nome derivi da un giornale locale e rivoluzionario fondato nel 1928 da Julio Antonio Mella."

"Interessante è scoprire che per altre fonti i soldati Americani non potevano bere alcolici mentre erano in uniforme, quindi per camuffare alla vista dei passanti il loro drink, i Barmen servivano ai Militari, Coca-Cola e Rum."


1946 , jul 13 - The Miami News


Con gli anni Cuba non fu tanto indipendente come si pensasse, fu così che per alcuni Cubani esiliati a Miami, il drink venne chiamato “mentirida” o “mentira” (Tradotto dal Spagnolo allʼItaliano significa, Menzogna) questo per sottolineare quella libertà, quella menzogna o bugia nascosta nel nome del drink "Cuba Libre!!!".

Primo riferimento sull’Utilizzo della Coca-Cola con una bevanda alcolica.

1921 - From "The American Language" by H.L. Mencken
"The troglodytes of western South Carolina coined 'jump stiddy' for a mixture of Coca-Cola and denatured alcohol (usually drawn from automobile radiators); connoisseurs reputedly preferred the taste of what had been aged in Model-T Fords."

Nonostante tutte queste leggende, chi più accreditate, chi meno; negli anni il vero problema fu la vera è propria codifica; spesso confusa con quella del semplice "Rum e Coca".

Tra le prime tracce e riferimenti sulla codifica del drink troveremo due interessanti testi che metterano senza dubbio in confusione l'esatta codifica.


1931 - From "Cuba of today" by A. Hyatt Verrill



1934 - (Ristampa del 2003) From "The Old Waldorf-Astoria Bar Book" by Albert Stevens Crockett



Come si può notare il drink viene esclusivamente composto da due ingredienti.
Cosa che nel ricettario di Hyman Gale and Gerald F. Marco, "The How and When" datato 1937 troviamo il drink con l’ aggiunta del succo di mezzo lime.
Quindi è possibile spiegare e capire il perché di alcuni errori da parte di alcuni addetti ai lavori.

1937 - From "The How and When" by Hyman Gale and Gerald F. Marco (Marco Abe)
CUBA LIBRE COCKTAIL
1/2 Cuban Rum
1/2 Coca Cola
Juice of 1/2 Lime
Stir with ice.

1939 - "Sloppy Joe's Bar Cocktails Manual Season 1939"



Alcuni ricettari, come ad esempio quello di David A. Embury,  “The Fine Art Of Mixing Drinks” troviamo il drink con il nome di “Cuba Libre oppure Rum e Coca Cola” con i tre ingredienti; distillato, bibita e succo. 
Aumentando così il disorientamento.

1958 - From “The Fine Art Of Mixing Drinks” by David A. Embury
CUBA LIBRE or RUM AND COCA-COLA
Juice of 1 small Lime (drop 1/2 lime shell in, too), 2 ounces White Label Rum.
Put ingredients in Collins glass, add 3 or 4 large ice cubes, fill up with Coca-Cola, stir quickly, and serve.

Inoltre vedremo in alcuni ricettari la comparsa nel drink di altri ingredienti come ad esempio lo zucchero o come l’Angostura bitter. 
Mentre in altri vedremo diversificare il metodo di preparazione, realizzando così un drink direttamente nel bicchiere o un cocktail shakerato e servito nella coppetta cocktail.

1955 - From "What, When, Where and How to Drink" by Richard L. Williams and David Myers
CUBA LIBRE
Juice of 1/2 lime
1 1/2 ounces white label rum
Cola
2 to 3 dashes bitters (optional)
Squeeze lime juice into 10-ounce Collins glass, drop in lime shell. Add 3 cubes of ice, rum (according to taste), fill glass with Cola. Serve with stir rod.

1965 - From “Cocktails & Snacks” by Robert & Anne London 
CUBA LIBRE COCKTAIL
1 ounce white label rum
1 ounce cola drink
Juice of 1/2 lime.
Shake with cracked ice. Strain into cocktail glass.

CUBA LIBRE
Juice and whole rind of 1/2 lime
1 1 /2 ounces white label rum
Squeeze the juice into a 10-ounce collins glass. Drop in the lime rind. Add ice cubes. Fill with cola beverage. Stir slightly

1971 - From "Playboy's host & bar book" by Thomas Mario
CUBA LIBRE COCKTAIL
1 oz. light rum
1/2 oz. 151-proof rum
1/2 oz. cola drink
1/2 oz. lime juice
1/2 teaspoon sugar
Lime peel
Shake both kinds of rum, cola drink, lime juice and sugar well with ice. Twist lime peel above drink and drop into a glass.
Not to be confused with cuba libre, a tall rum-cola drink that’s somewhat slower in its liberating effects.

Già popolare intorno agli anni ’30; come Charles H. Baker Jr. ci testimonia nel suo libro "Gentlemen's Companion", The Cuba Libre "caught on everywhere throughout the [American] South ... filtered through the North and West", ottenne un ulteriore popolarità grazie al brano del gruppo musicale “Andrews Sisters”.
Nel 1945 registrarono la canzone “Rum and Coca-Cola”.


Secondo sempre il libro di Charles H. Baker, il modo migliore per eseguirlo è quello di spremere il succo del lime all’interno del bicchiere, e inoltre estrarre gli oli essenziali dalla scorza del frutto.
Tecnica già usata nel lontano 1895 da George Kappeler che nel suo libro “Modern American Drinks” ci descrive come eseguire un Brandy Collins.

“Cut a lemon in half, place it in a mixing glass, add one tablespoonful fine sugar, crush with muddler so as to extract both the juice of the lemon and part of the oil of the rind, fill the glass half full of fine ice, add one jigger brandy. Mix well, strain into a collins-glass containing a piece of ice, pour in a bottle of plain soda. stir with a long bar-spoon and serve.”
Traduzione :
“...schiacciare con muddler in modo da estrarre il succo del limone e parte dell'oli della scorza...”

Infine possiamo così distinguere cosa sia un “Coca e Rum” da un “Cuba Libre”.


mercoledì 2 ottobre 2013

Adonis Cocktail



Categoria : Pre Dinner

Mise en place : Mixer-glass, stir, strainer, coppetta cocktail, dry sherry, vermouth rosso, orange bitter.

In terzi
2/3 dry sherry
1/2 vermouth rosso
1 goccia di orange bitter

In cl
4,5 cl di dry sherry
2,5 cl di vermouth rosso
1 goccia di orange bitter

In once
1 1/2 oz. di dry sherry
3/4 oz. di vermouth rosso
1 goccia di orange bitter

Vecchia ricetta from “Straub's manual of mixed drinks.” by Jacques Straub - 1913
Adonis Cocktail
2 dashes orange bitters.
1/3 jigger sherry.
2/3 jigger italian vermouth. Stir.

Guarnizione : ///

Tecnica di procedimento : (Stir & Strain) si prepara nel mixing-glass per poi essere filtrato con lo strainer nel bicchiere da cocktail.

Procedimento : mettere il ghiaccio nel bicchiere da cocktail e versare gli ingredienti nel mixing-glass, già raffreddato precedentemente. 
Mescolare e versare il tutto nel bicchiere.

Nel primo ricettario Iba del 1961 con la codifica :
Adonis
2/3 dry sherry
1/2 vermouth rosso
1 goccia di orange bitter
Si prepara nel mixer-glass.
Coppetta da Cocktail.



Storia
Questo drink viene creato dopo la realizzazione di un grande musical di quei tempi, "Adonis".
Storia di una statua maschile che prende vita, ma trovando la vita umana decisamente spiacevole, deciderà di divenire nuovamente statua.
La prima messa in scena del produttore Edward E. Rice fu nel 1884 a Broadway, New York.
Fu così enorme il successo che fu replicato ben 603 volte, dedicandoli così un cocktail, "l'Adonis".

1934 - "The Old Waldorf-Astoria Bar Book" by Albert Stevens Crockett edition del 2003
Adonis
Two dashes orange Bitters
One-half Sherry
One-half italian vermouth (stir)
Named in honor of a theatrical offering which first made Henry E. Dixey and Fanny Ward famous.

Nello stesso libro troveremo 
ARMOUR 
Two dashes orange Bitters
One-half jigger Sherry
One-half jigger italian vermouth (stir)

1936 - The Artistry of Mixing Drinks by Frank Meier
ADONIS
in mixing-glass: a dash of Orange Bitters,
Half dry sherry,
half Italian Vermouth;
Stir slightly and serve.

1947 - Bartender's Guide by Trader Vic
MARLBOROUGH COCKTAIL
3/4 oz. sherry
3/4 oz. Italian vermouth
2 dashes orange bitters
Shake with cracked ice; strain into chilled cocktail glass.

Bamboo Cocktail



Categoria : Pre Dinner

Mise en place : Mixer-glass, stir, strainer, coppetta cocktail, dry sherry, vermouth dry, orange bitter.

In decimi
5/10 di dry sherry
5/10 di vermouth dry
1 goccia di orange bitter

In cl
3,5 cl di dry sherry
3,5 cl di vermouth dry
1 goccia di orange bitter

In once
1 1/4 oz. di dry sherry
1 1/4 oz. di vermouth dry
1 goccia di orange bitter

Vecchia ricetta from "World Drinks and How To Mix Them" by William T. "Cocktail" Boothby - 1908
BAMBOO COCKTAIL. 
Into a mixing-glass of cracked ice place half a jiggerful of French vermouth, half a jiggerful of sherry, two dashes of Orange bitters and two drops of Angostura bitters; stir thoroughly and strain into a stem cocktail glass; squeeze and twist a piece of lemon peel over the top and serve with a pimola or an olive.

Guarnizione : ///

Tecnica di procedimento : (Stir & Strain) si prepara nel mixing-glass per poi essere filtrato con lo strainer nel bicchiere da cocktail.

Procedimento : mettere il ghiaccio nel bicchiere da cocktail e versare gli ingredienti nel mixing-glass, già raffreddato precedentemente. 
Mescolare e versare il tutto nel bicchiere.


Nel primo ricettario Iba del 1961 con la codifica :
Bamboo 
1/2 dry sherry
1/2 vermouth dry
1 goccia di orange bitter
Si prepara nel mixer-glass.
Coppetta da Cocktail.

Storia
Si racconta che la leggenda del "Bamboo Cocktail" abbia inizio nel 1889; quando un uomo di origine Tedesche, Louis Eppinger si trasferì in Giappone per dirigere il Grand Hotel di Yokohama.

Qui dalle proprie mani del Meneger; in mancanza del Vermouth Italiano, ingrediente indispensabile per la preparazione dell' Adonis Cocktail e di difficile reperimento, fu sostituito dal Vermouth Francese; così dando vita a quel drink conosciuto come "Bamboo"; cocktail che in pochissimo tempo, riscosse un enorme successo da parte di clienti Europei ed Americani.

Una traccia importante sulla sua creazione e sul suo creatore la troviamo in un rilevante ricettario di quei tempi; "World Drinks and How To Mix Them" di William T. "Cocktail" Boothby, del 1908. 

BAMBOO COCKTAIL.
Originated and named by Mr. Louis Eppinger, Yokohama, Japan.
Into a mixing-glass of cracked ice place half a jiggerful of French vermouth, half a jiggerful of sherry, two dashes of Orange bitters and two drops of Angostura bitters; stir thoroughly and strain into a stem cocktail glass; squeeze and twist a piece of lemon peel over the top and serve with a pimola or an olive.

Primo riferimento su Louis Eppinger e del drink in un ricettario.

Il Manager durante il suo soggiorno in Giappone divenne un importante figura; tanto da riscuotere un enorme interesse da parte dei suoi connazionali. 
Sia per le sue doti lavorative, sia per le sue amicizie politiche.



1908 - Los Angeles Herald, 17 giugno 1908.


Prima di intraprendere la strada da Manager, Louis Eppinger nella sua San Francisco, California, inizio la sua professione dietro un bancone.
Fu infatti, proprietario di un Saloon; un locale dove probabilmente sviluppo la sua conoscenza nell' arte del bere miscelato.
Una importante informazione che potrebbe avvicinarci all' idea che Louis Eppinger sia il vero creatore del Bamboo Cocktail.

Ecco alcune tracce che ci indicherebbero il suo percorso professionale.


1910 - History of the San Francisco Stock and Exchange Board" di Joseph L. King
Louis Eppinger kept a bar on Halleck street, just below Leidesdorff. He was very popular, and a genial, jolly barkeeper, holding your attention while preparing a mixed drink. 
In his white coat, with his bullet-shaped head, with little hair on the top, and a black mustache, always laughing and telling a joke, he appeared to be just the man to succeed in keeping a bar. 
Unfortunately, he spent all of his profits gambling in stocks, generally on the wrong side. 


1896 - The San Francisco call.,12 Maggio 1896


Eppinger che lascio la sua San Francisco intorno al 1889/90, morirà all' età di 77 anni nel sua città adottiva di Yokohama, così come ci descrive l'articolo di giornale.


1908 - Los Angeles herald., June 17, 1908
PROMINENT HOTEL MAN DIES IN YOKOHAMA
Louis Eppinger, Manager of House at Which Most Europeans and Americans Stopped, Expires in Adopted Country

SAN FRANCISCO,june 16. - A private cablegram has been received here announcing the death at Yokohama of Louis Eppinger, manager of the Grand Hotel in that city, and one of the best known hotel men on the Pacific coast and in the orient. 
Mr. Eppinger was 77 years of age.
Formerly in business in San Francisco and Portland in the 70s Mr. Eppinger has for the past eighteen years been manager if the grand hotel in Yokohama, the hostelry at which nearly all Europeans and Americans stopped when in that city.
He was one of the best known Americans in the orient, had a wide acquaintance not only on the Pacific coast but in Japan, China and in the Philippines.
Mr. Eppinger enjoyed the confidence of the Japanese government, was decorated by the mikado for having sent all his employes to the army in the Japanese-Russian war on full pay, and for other assistance rendered to the government.
Mr. Eppinger came to san Francisco in March on a visit and had but recently returned to Yokohama.


Si potrebbe quindi confermare dopo queste notizie che sia Louis Eppinger il vero creatore, ma come molti altri cocktails classici le tracce sono molte e molte sono le incertezze; ecco alcuni riferimenti trovati in alcune mie ricerche sul "Bamboo Cocktail" che potrebbero essere contrastanti sul Manager.



1886 - Western Kansas world., September 11
A new and insidious drink has been introduced by some Englishman, and is becoming popular in New York barrooms.
It consists of three parts sherry and one part vermouth, and is called "bamboo".

1886 - St. Paul daily globe., September 19
One of the latest and most insidious drinks was recently introduced into swell saloons in this city by an Englishman.
Consists of three parts sherry and one part vermouth.
It is called "Bamboo," probably because after imbibing the drinker feels like "raising Cain".

Due articoli che metterebbero tutto in discussione.
Come inoltre anche il ricettario di Thomas Stuart del 1904 ristampa del 1896, "Stuart's Fancy Drinks and How to mix them".


Nelle ultime pagine, nel paragrafo "New and Up-To-Date Drinks.


Anche David Wondrich nel suo libro "Imbibe!" cita un probabile drink precedente, il "Boston Bamboo".


1895 - Omaha daily bee., 3 Febbraio 1895 


La combinazione di sherry e vermouth vede inoltre la comparsa di altri drinks con altri nomi:

1889 - Pittsburg dispatch., July 28, 1889
Lots of men come in here and call for a "marine cocktail," an odd fancy of mine, composed of sherry, vermouth and orange bitter, with a spoonful of shaved ice.

1922 - Cocktails - How to Mix Them by Robert Vermiere
Bamboo cocktail
Fill the large bar glass half full of broken ice and add:
1 das of Orange Bitters.
1/4 gill of Dry Pale Sherry.
1/4 gill of Franch Vermouth.
Stir up well, strain into a cocktail-glass, and squeeze lemon-peel on top.
This drink is very popular amongst the British residents in India, and also is called "Reform Cocktail."

1926 - Harry's ABC of Mixing Cocktails by Harry MacElhone


1930 - The Savoy Cocktail Book by Harry Craddock
EAST INDIAN COCKTAIL
Due parti di Vermouth francese e
Sherry con una spruzzata di Orange Bitters.
Shakerare bene e filtrare nel bicchiere da cocktail.

REFORM COCKTAIL
1 spruzzata di Orange Bitters
1/3 Vermouth francese 
2/3 Sherry
Shakerare bene e filtrare nel bicchiere da cocktail.
Aggiungere una ciliegia.

1947 - Bartender's Guide by Trader Vic
AMOUR COCKTAIL
3/4 oz. sherry
3/4 oz. French vermouth
2 dashes Angostura bitters
Shake with cracked ice; strain into chilled cocktail glass.
Twist orange peel over drink.

ARMOUR COCKTAIL
Substitute orange bitters in Amour Cocktail.

1961 - Old Mr Boston de luxe official bartenders guide by Leo Cotton
EAST INDIA COCKTAIL NO. 2
1 1/4 oz. Dry Vermouth
1 1/4 oz. Sherry Wine
1 Dash Orange Bitters
Stir well with cracked ice and strain into 3 oz. cocktail glass.


1908 - The sun - 5 Gennaio 1908
Japanese Martini cocktail