sabato 28 dicembre 2013

John Collins

Categoria: Long-Drink

Mise en place: Gin,Succo di limone, Sciroppo di zucchero, Soda Water, Angostura Bitter, Limone, Ciliegina al maraschino, Highball Glass, Stirrer, Cannucce.

In decimi
3/10 di Gin
2/10 di Succo di Limone fresco
1/10 di Sciroppo di zucchero
4/10 di Soda

In cl
4.5 cl di Gin
3 cl di Succo di Limone fresco
1.5 cl di Sciroppo di zucchero
6 cl di Soda 

In once
1 1/2 oz. di Gin
1 oz. di Succo di Limone fresco
1/2 oz. di Sciroppo di zucchero
2 oz. di Soda

Vecchia ricetta from "Haney’s Steward & Barkeeper’s Manual" - 1869
John Collins
(Use large Bar-glaas.)
Teaspoonful of powdered sugar
The juice of half a lemon
A wine glass of Old Tom Gin
A bottle of plain soda
Shake up, or stir up with ice. 
Add a slice of lemon peel to finish.

Guarnizione: Fettina di Limone, Ciliegina al maraschino e un dash di Angostura bitter

Tecnica di procedimento: (Stir) si prepara direttamente nel bicchiere Highball.

Procedimento: raffreddare il bicchiere eliminando l’acqua prodotta in quest’ultima fase. Versare gli ingredienti , facendo attenzione che il ghiaccio sia cristallino ed infine decorare.

Nel secondo ricettario Iba del 1987 con la codifica:
Collins (Tom Collins)
One teaspoonful fine sugar
or one barspoon gomme syrup
Juice of one lemon
One measure of gin (4 cl)
Build over ice
Top up with soda water
Decoration: one slice of lemon, Cherry

Nel terzo ricettario Iba del 1993 con la codifica:
John Collins
3/10 Gin
2/10 Succo di limone
1/10 Sciroppo di zucchero
4/10 Soda water
In alcuni paesi vengono aggiunte alcune gocce di Angostura.
Si prepara direttamente in un bicchiere highball con ghiaccio aggiungendo
la soda e l'Angostura, se richiesta, per ultima.
Guarnire con un trancio di limone ed una ciliegina, servire con cannucce.
N.B. Altri distillati possono sostituire il Gin modificando così il nome es.: Vodka collins, Rum Collins ecc.

Nel quarto ricettario Iba del 2004 (categoria Long Drink Style) con la codifica:
John Collins
4.5 cl Gin
3 cl Lemon Juice
1.5 cl Gomme Syrup
6 cl Soda water
Dash Angostura Bitter
Method : Build over ice
stir in soda water last
Glass : Highball
Garnish : Slice of Lemon and cherry
N.B. a Tom Collins was made to the same recipe
using "Old Tom" Gin.
However, in some countries it is now common
practise to make a John Collins with Bourbon Whisky
and a Tom Collins with Gin.
N.B.B. Other spirits may be
sub substituted e.g. Vodka Collins; Rum Collins etc.

Nel quinto ricettario Iba del 2012 (categoria The Unforgettables) con la codifica :
Long drink
4.5 cl Gin
3 cl Fresh lemon juice
1.5 cl Sugar syrup
6 cl Soda water
Pour all ingredients directly into highball glass filled with ice. Stir gently.
Garnish with lemon slice and maraschino cherry.
Add a dash of Angostura bitters.
(Note: Use Old Tom Gin for Tom Collins)

Le sue origini ci portano molto indietro nei tempi; in una Londra dei primi anni del '800.

(*1) 1899 - Stories of the streets of London by H. Barton Baker

"My name is John Collins, head-waiter at Limmer's, 
The corner of Conduit Street, Hanover Square,
My chief occupation is filling of brimmers
To solace young gentlemen laden with care.

Mrs. Cole sells kid gloves for to go to the opera, 
While Peter sits scratching his head in the bar ;
And Henry, I think, should behave his self properer, 
Who'll give on the sly a Havanna cigar ? 

Our Peter he wished to be clerk at Saint George's ; 
But the Rector he said that those sort of men,
Who could callously view our young gentlemen's orgies, 
Would be calling Coming instead of Amen.

That he'd register marriage as Brandy and Water, 
And indecently enter a birth as a Go ;
And in short, tho' in Heaven they have Peter for porter, 
'Twas not that sort of Peter so he would not do.

My ale-cup's the best that ever you tasted,
Mr. Frank always drinks my gin-punch when he smokes,
I can carve every joint that ever was basted 
And give you a wrinkle or two on the Oaks.

I'm old, but I'm hearty ; I'm grey, but I'm merry ; 
I don't wish to go, and few wish me gone ;
Shall I bring you a pint, or a bottle of sherry,
To drink the good health and long life of Old John ?

The only surviving stanza of a number dealing with habitues of Limmer's is as follows :

There's Lewis Ricardo, so full of bravado,
And sweet Spencer Cowper, a blood I declare ;
There's profligate Punch, who's so fond of his lunch, 
And conkey Jem Howard, who ne'er knows despair.

Punch was an old Eton nickname of Charles Greville (the Clerk of the Council), known in later days as The Cruncher, from his manner and temper.
Lord Waterford was a constant frequenter of the sporting hostelries of London, and at Limmer's conceived many of his wild jokes.

A differenza di tanti altri "Cocktails Classici" il "John Collins" vanta di importanti testimonianze, lasciate nel tempo; una tra queste è senza dubbio la celebre canzone o filastrocca scritta da Charles e Frank Sherida.
Una canzone nata a "Limmer's Hotel" di Londra; un luogo che nasceva all'angolo tra ST. George e Conduit Street a sud di Hanover Square.
Alcune testimonianze ci descrivono che il "Limmer's" era uno di quei hotels più sporchi della città, ma con una clientela del tutto "Aristocratica".
Un luogo che tra il 1830 e il 1860 era all' apice del suo successo. (*1)
Sia, grazie per la sua cucina, sia per i suoi drinks; come il Brandy e soda, sia per il suo famosissimo "Gin Punch".
Era una mattina piovosa, quando i due per trascorrere il tempo formularono la celebre canzone.
Inserendo nel testo tutti frequentatori del "Limmer's Hotel" e mettendo nel primo versetto il nome dell' apprezzato cameriere, inventore del drink che porta il suo nome. (*1)

Ora mai celebre a Londra e in tutto il suo paese, negli anni riuscì a diffondersi in altri luoghi, arrivando così in America.

Secondo alcune fonti, si diffuse grazie sopratutto ad alcuni Ufficiali della Marina Britannica; frequentatori del "Limmer's Hotel".
Desiderosi a New York di bere il loro drink, insegnarono ad alcuni barmen del Claredon Hotel di New York il "John Collins".

Dai primi anni del' 800 ai tempi d'oggi, sono molti i libri che raccontano del "Limmer's Hotel" e del suo cameriere John Collins.Tra questi:1866 - Drafts on my memory - being men I have known, things I have seen , places I have visited by Lord William Pitt Lennox1873 - Old and new London by Walter Thornbury1887 - The first year of a silken reign by Andrew White Tuer1899 - Stories of the streets of London by H. Barton Baker1910 - Sporting Days and Sporting Ways by Ralph Nevill1913 - A group of Londoners by E. V. Lucas1914 - My varied life by F.C. Philips

Cercando alcune informazioni sul nesso del tra il drink e il Claredon Hotel, ho potuto trovare un vecchio articolo di giornale:

1877 - The Weekly Kansas chief., January

Old Resorts in London Bisappearing.
Limmer's was once the resort of all the young bloods who led the sporting world, and many of its characters are still remembered - among them the wild and half crazy Marquis of Waterford, who rakeed, the hot coals all over the carpet, one night, because he said these was too much fire;
and John Collins, the waiter, who invited the pleasant tipple still called by his name.
Ten years, ago there used to be a waiter in the Claredon hotel in New York who could make a "John Collins" as well as the great original himself, and many a time did poor Mr. Logan, who thought he had invented a "universal language", refresh himself with the same as doubtless your townsman, Mr. Wilson G. Hunt, and other old frequenters of the Clarendon, will remember.
But Limmer's is now to be sold up, and next year your traveling readers will look for it in vain at the corner of Conduit street and George street, Hanover square.
The truth is , that the old landmarks of London are disappearing so rapidly that it will soon be difficult for the old stager to find his way about.

Precedentemente a questo aneddoto , avremo la prima codifica del drink nel ricettario "Haney’s Steward & Barkeeper’s Manual" datato 1869, un libro stampato da piccolo editore di New York City "Jesse Haney Company".
In cui vede nella ricetta del "John Collins", Old Tom Gin come distillato di base. 

“Un altra referenza sull' uso del Old Tom Gin nel drink è un articolo di giornale che ho potuto trovare.”

1872 - The Sun - July

Milk punches go rapidly, and are favorably taken.
Egg nogg, while it does not rank with the favorites, finds many admirers.
"John Collins" is perpetuated by a drink which bears his name.
Its constituent parts are sugar and lemon, plain soda, and old Tom gin.
A veteran drinker whispered to the reporter that this drink was a monument for two, Old Tom and John Collins, and that it might put a headstone on many others.

Un' articolo che ci conferma una probabile certezza.

In seguito, nel 1874 avremo un interessante "Bufala" o scherzo che divenne così chiacchierato tra la gente da essere raccontato da alcune testate giornalistiche del periodo.

Secondo alcune fonti, questo scherzo o gioco, fu la causa del cambiamento del "John Collins" portando così l'avvento del "Tom Collins" e dei suoi derivati.

1874 - The Elk County advocate - May

Fu così che con il successo della scherzo furono scritte diverse canzoni per commemorare la grande “buffonata”.

Nel 1876 nel ricettario "The Bartenders Guide" di Jerry Thomas datato 1876, seconda edizione, avremo la prima comparsa di quest'ultimi drinks.

Tom Collins Whiskey.
(Use small bar-glass.)
Take 5 or 6 dashes of gum syrup.
Juice of a small lemon.
1 large wine-glass of whiskey.
2 or 3 lumps of ice;
Shake up well and strain into a large bar-glass.
Fill up the glass with plain soda water and imbibe while it is lively.

Tom Collins Brandy.

(Use small bar-glass.)
The same as Tom Collins Whiskey, substituting brandy for whiskey.

Tom Collins Gin.
(Use small bar-glass.)
The same as Tom Collins Whiskey, substituting gin for whiskey.

In seguito a questi avvenimenti, molti ricettari codificarono i due drinks (John e Tom) in base all' utilizzo del gin.

John Collins = Holland Gin
Tom Collins = Old Tom Gin

1884 - How to mix drinks - By George Winter
(Use extra large bar glass.)
Five or six dashes of lemon juice;
One small tablespoonful sugar;
One wine glass full of Holland gin;
Fill one-third of fine ice;
Fill up with a bottle of plain soda, stir well with a spoon while filling with soda, remove the ice, then serve.

1884 - How to mix drinks - By George Winter
(Use extra large bar glass.)
One small tablespoonful sugar;
Four or Five dashes of lemon juice;
Fill glass one-quarter full of ice;
One wine glass full of Old Tom gin;
One bottle of plain soda;
Stir up well with a spoon, remove ice, then serve.

Dalla nascita del drink ad oggi, sono nate molte discussioni per la somiglianza dei Collins ad altre famiglie degli Americans Drinks.
Tra questi accese discussioni abbiamo quella tra i Collins e i Fizzes.
Due gruppi che in grandi linee si assomigliano per i lori ingredienti, ma che oggi sono diversi per la loro preparazione.

Secondo alcuni fonti i Collins si differenziano in special modo per la loro quantità, infatti vedremo la nascita del bicchiere Collins Glass che avrà una capienza maggiore (14-16 once) rispetto a molti altri bicchieri per Long-Drinks.
Verranno poi messi in discussioni altri punti sui questi drinks in questione; come il tempo necessario per terminarli, come l'utilizzo del ghiaccio e della soda.
Punti che in un certo modo differenziano l'uno dal' altro ma che posso essere discussi, questo perché ci sono state troppe confusioni in passato.

Facendo riferimento ad un altra fonte, il “Joh Collins” era in origine un “Gin Punch” formulato appunto da gin succo di limone, maraschino e soda.
Non è difficile pensare a questo visto che il “Limmer's Hotel” era conosciuto per il suo “Gin Punch” che probabilmente in seguito cambio nome.

giovedì 12 dicembre 2013

Grasshopper Cocktail

Categoria : After Dinner

Mise en place : Boston shaker, strainer, coppetta cocktail, Crema di Menta, Crema di Cacao, Crema di Latte.

In terzi
1/3 di Crema di Menta Verde
1/3 di Crema di Cacao Bianca
1/3 di Crema di latte

In cl
3 cl di Crema di Menta Verde
3 cl di Crema di Cacao Bianca
3 cl di Crema di latte

In once
1 oz di Crema di Menta Verde
1 oz di Crema di Cacao Bianca
1 oz di Crema di latte

Vecchia ricetta from "The World's Drinks And How To Mix Them" by Hon. Wm. T. Boothby - 1908
Fill a pony-glass with equal parts of Crême de Cacao and Crême de Ménthe, lies on top of Crême de Ménthe and see that the Crême de Cacao without mixing.

Guarnizione : ///

Tecnica di procedimento : (Shake & Strain) si prepara nello shaker per poi essere filtrato con lo strainer nel bicchiere da cocktail.

Procedimento : mettere il ghiaccio nel bicchiere da cocktail e versare gli ingredienti nello shaker, già raffreddato precedentemente. 
Shakerare e versare il tutto nel bicchiere.

Nel primo ricettario Iba del 1961 con la codifica :
1/3 Crema di Menta verde
1/3 Crema di Cacao bianca
1/3 Crema di latte fresca
Si prepara nello shaker con poco ghiaccio cristallino.
Si serve nel doppio bicchiere da Cocktail.
Bicchiere da calice o doppia coppetta da Cocktail.

Nel terzo ricettario Iba del 1993 con la codifica :
1/3 Crema di Menta verde
1/3 Crema di Cacao bianca
1/3 Crema di latte
Coppetta cocktail.

Nel quarto ricettario Iba del 2004 (categoria “After-Dinner ” con la codifica :
2 cl Crème de Menthe (green)
2 cl Crème de Cacao (white)
2 cl Cream
Method :  Shake
Glass : Cocktail

Nel quinto ricettario Iba del 2011 (categoria "Contemporary Classics") con la codifica :
After Dinner Cocktail
3 cl Créme de cacao (white)
3 cl Créme de menthe (green)
3 cl Fresh cream
Pour all ingredients into shaker filled with ice.
Shake briskly for few seconds. 
Strain into chilled cocktail glass.

Raggiunse la sua massima popolarità negli anni '50 e '60, ma a quanto pare la sua creazione contrastante risale a decenni precedenti. 

La leggende vuole che il "Grasshopper" sia stato creato per mano di Philibert Guichet Jr., proprietario dello storico locale di New Orleans il "Tujague's bar" nello Stato della Louisiana.

Il "Tajague" fu fondato nel lontano 1856 da Guillaume e Marie Tujague, immigrati e ristoratori Francesi che nel 1912 vendettero l'azienda a Philibert Guichet.

Da qui purtroppo, la leggenda del "Grasshopper" presenterà degli aspetti contrastanti che permetteranno di definirla più che una storia fondata e certa; una vera e propria leggenda.

La leggenda racconta che nel 1928, Philibert Guichet partecipò e presento il drink ad un Cocktails Contest a New York, arrivando al secondo posto; fonte che sarà testimoniata nel libro "The Restaurants of New Orleans" di Roy F. Guste.
Secondo alcune fonti questo concorso avvenne nel 1919, subito prima del proibizionismo.
Tutta via secondo altre fonti tra i giudici presenti c'era Walter Winchell (Giornalista e Commentatore radiofonico) che non inizio la sua carriere non prima del 1920 e quindi accreditando la data più probabile al 1928…durante il Proibizionismo.

Come la  maggior parte dei Classici del Bere Miscelato anche il "Grasshopper" trova altre leggende, altre storie che ci porteranno in altri luoghi.
Altre leggende ci porteranno; una al Fazio’s Restaurant in Milwaukee nel Wisconsin; mentre un altra al Charlie’s in Minneapolis nel Minnesota.

Altre mie ricerche mi hanno portato a trovare nuove tracce; riferimenti che ci porteranno a supporre che il "Grasshopper" era già conosciuto in precedenza del 1928.

Un importante ricettario in cui troviamo il drink in questione è il libro di Carl A. Seutter; Bartender di origine Germaniche che prima di pubblicare nel 1909, nella sua terra natia la sua raccolta di bevande miscelate, svolse la sua professione in luoghi come l'Inghilterra e gli Stati Uniti d'America.

Il ricettario è "Der Mixologist: illustriertes internationales Getränke-buch"; libro di bevande internazionali, in cui al suo interno troveremo il "Grasshopper"; un cocktail composto da due ingredienti, crema di cacao e crema di menta che verrano serviti senza essere miscelati ma preparati con molta cura poiché dovranno essere a strati.
Personalmente e con certezza posso confermare che nel 1922 il drink era già conosciuto; visto che posseggo la quarta edizione del ricettario di Carl A. Seutter.

Come si può leggere nella presentazione del ricettario "Der Mixologist"; il Bartender di origine germanica svolse la professione in altri luoghi; come gli Stati Uniti d'America.
Ed qui è possibile che il "Grasshopper" sia un ricetta importata dal nuovo continente, come si potrebbe pensare; visto che la prima traccia sul drink in questione è il ricettario di William "Cocktail" Boothby registrato nel 1907 e pubblicato nel 1908.

Nelle pagine del ricettario comparirà; 

Fill a pony-glass with equal parts of Crême de Cacao and Crême de Ménthe, lies on top of Crême de Ménthe and see that the Crême de Cacao without mixing.

Come si può notare, comparirà il nome di un personaggio misterioso che personalmente non so se sia un addetto ai lavori o un cliente, ma di sicuro avrà in comune con William "Cocktail" Boothby un luogo; Il Palace Hotel di San Francisco; uno degli alberghi dove svolse quest'ultimo, la sua professione.

Anche in questa codifica il "Grasshopper" sarà preparato senza essere miscelato; ma bensì a strati.

Nel 2009 viene ristampato il ricettario "Cocktail Boothby's American Bartender" del 1891, in cui vedrà nelle sue ultime pagine; stampate delle ricette scritte a mano che l'autore della ristampa ha trovato in una rara edizione del 1900.
Di queste ricette scritte a mano non si conosce l'esatta datazione, ma troviamo il "Grasshopper" con la sua nota storica che ci porterà a San Francisco.

Nei successivi ricettari del 1930 e del 1934 di William Boothby, non si avranno più le note storiche che troveremo nel ricettario del 1908.

Interessante inoltre notare che da una componentistica di due ingredienti, in vari ricettari dagli anni '50 (circa) in poi si vedrà la presenza della crema di latte.

1908 - From "The World's Drinks And How To Mix Them" by William "Cocktail" Boothby

1925 - From "Der Mixologist" by Carl A. Seutter

1930 - From "Cocktail Bill" Boothby's World Drinks and How to Prepare Them" by William "Cocktail" Boothby 

1934 - From "Cocktail Bill Boothby's World Drinks And How To Mix Them by William "Cocktail" Boothby 

1937 - From "The How and When" by Hyman Gale and Gerald F. Marco (Marco Abe)

1948 - From "Bartender's Guide" by Trader Vic

1951 - From "The Bartender's Book" by Jack Townsend and Tom Moore McBride

1955 - From "The standard bartenders guide" by Patrick Gavin Duffy

1961 - From "Cocktail and Wine Digest the Barmen's Bible" by Oscar Haimo

sabato 30 novembre 2013

Bentley Cocktail

Categoria : Pre Dinner

Mise en place : Dubonnet rosso, Calvados, Boston Shaker, Strainer, Doppia Coppetta Cocktail.

in mezzi
1/2 di Dubonnet rosso
1/2 di Calvados

In cl
4 cl di Dubonnet rosso
4 cl di Calvados

In once
1 oz. di Rum bianco
1 1/4 oz. di Dubonnet rosso
1 1/4 oz. di Calvados

Vecchia ricetta From "The Savoy Cocktail Book" by Harry Craddock - 1930
1/2 Calvados, or Apple Brandy.
1/2 Dubonnet.
Shake well and strain into cocktail glass.

Guarnizione : ///

Tecnica di procedimento : (Shake & Strain) preparato direttamente nello shaker , shekerato con ghiaccio e poi filtrato nel bicchiere.

Procedimento : raffreddare il bicchiere e il boston shaker , eliminando l’acqua prodotta in quest’ultima fase. Versare gli ingredienti , facendo attenzione che il ghiaccio sia cristallino; shekerare e filtrare con lo strainer direttamente nella coppetta cocktail.

Nel primo ricettario Iba del 1961 con la codifica :
1/2 Calvados
1/2 Dubonnet
Si prepara nello shaker col ghiaccio cristallino.
Coppetta da Cocktail.

"La 24 Heures du Mans o le 24 ore di Le Mans" è una storica e famosa gara automobilistica che a differenza di molte altre competizioni, come ci suggerisce il suo nome si delinea in un tempo di 24 ore; "una gara terribilmente estenuante" secondo il mio parere da neofita.
Ma quello che rese interessante questa gara era il fatto di permettersi di testare e sopratutto maltrattare le autovetture; così da mettere alla prova la loro resistenza e affidabilità.

Nel 1923 inizio la prima competizione che ancora oggi viene puntualmente disputata; in cui in terra Francese per ben 4 anni consecutivi (1927 - 1930) vide la "Bentley Motors" vincere il primo posto.
Una data memorabile fu senza dubbio il 1927, quando la vettura Bentley 3 Litre Super Sport pilotata da Joseph Dudley Benjafield e Sammy Davis, tagliò per primo il traguardo de la "24 Heures du Mans".

I Bentley's Boy, gruppo di facoltosi automobilisti britannici per celebrarono la loro vittoria scelsero uno dei luoghi più prestigiosi di quei anni, il celebre Savoy Hotel di Londra.

I festeggiamenti furono in grande stile, sopratutto per i due piloti che grazie alla loro popolarità acquisita per merito delle loro gesta; furono considerati degli eroi nazionali.

Ed ecco quale fu l'evento che porto alla creazione del "Bentley Cocktail".
Un drink dalla semplice composizione che vede due prodotti di produzione Francese; come il Dubonnet e il Calvados.

Secondo alcune fonti, questo fu la probabile vicenda che portò alla celebrazione del drink.
Ma nulla di questo può essere certo, sopratutto se si pensa che la Bentley Motors fu successivamente per ben altri anni un gruppo di piloti dalle prime posizioni.
Di sicuro la loro fama portò a qualche professionista alla creazione ed alla celebrazione dei loro successi; in un drink tutto per la Bentley.
Il primo riferimento di questo mix è il ricettario di Harry Craddock, "The Savoy Cocktail Book" del 1930. 
Il manuale scritto dal grande barman di quei anni del "Savoy Hotel"; il luogo della celebrazione della vittoria del 1927.
Ed è proprio questo legame che porterà ad attribuire la creazione ad Harry Craddock.
Il barman che nel suo ricettario non ci lascerà nessuna testimonianza, nessuna reclamazione; rendendo così senza creatore certo e fondato del "Bentley Cocktail".

1927 - From "The Advertiser", 21 June

1930 - From "The Savoy Cocktail Book" by Harry Craddock

1934 - From "The Official Mixer's Manual" by Patrick Gavin Duffy

1934 - From "What Shall We Drink?" by Magnus Bredenbek

1936 - From "The Artistry of Mixing Drinks" by Frank Meier

giovedì 21 novembre 2013

Piña Colada Cocktail

Categoria : Long Drink

Mise en place : Rum Bianco,Succo d’Ananas, Latte di Cocco, Bicchiere Gobler o Hurricane, Blender, Cannucce, Ciliegina.

In decimi
2/10 di Rum chiaro
6/10 di Succo d’ Ananas
2/10 di Latte di Cocco

In cl
3 cl di Rum Chiaro
9 cl di Succo d’ Ananas
3 cl di Latte di Cocco 

In once
1 oz. di Rum chiaro
3 oz. di Succo d’ Ananas
1 oz. di Latte di Cocco

Vecchia ricetta From “Cocktail and Wine Digest the Barmen's Bible” by Oscar Haimo - 1961
PIna Colada
2 oz. Pineapple Juice,
1 oz. Grenadine
2 oz. Rum.
Shaved ice in electric mixer.
Serve unstrained in Zombie glass with straws
Decorate with a sliver of pineapple.

Guarnizione : due cannucce e una ciliegina al maraschino

Tecnica di procedimento : (Blend) preparato direttamente nel blender , frullato con ghiaccio e versato nel bicchiere di servizio.

Procedimento : si versano gli ingredienti nel blender con ghiaccio. Frullato va servito nel apposito bicchiere con due cannucce e una ciliegina.

Nel secondo ricettario Iba del 1987 con la codifica :
Pina Colada
2/10 Coconut Milk
3/10 White Rum
5/10 Pineapple juice
Blend on high speed with crushed ice
Pour unstrained into an old-
fashioned glass
Decoration: a pineapple wedge
two cherries, Short straws

Nel terzo ricettario Iba del 1993 con la codifica :
Pina Colada
3/10 Rum bianco
2/10 Latte di cocco
5/10 Succo d'ananas
Preparare nel blende con ghiaccio tritato,
versare in un grande goblet.
Guarnire con un triangolo d'ananas e
ciliegine, servire con cannucce.

Nel quarto ricettario Iba del 2004 (categoria “Long Drink Style” con la codifica :
Pina Colada
3 cl White Rum
3 cl Coconut Cream
9 cl Pineapple juice
Dash Angostura Bitters, optional
Method : Shake or build over ice;top up with soda water
Glass : Highball or large goblet
Garnish : Wedge of pineapple & cherries; straw

Nel quinto ricettario Iba del 2011 (categoria "Contemporary Classics") con la codifica :
3 cl White Rum
9 cl Pineapple juice
3 cl Coconut milk
Blend all the ingredients with ice in a electric blender, pour into a large goblet or Hurricane glass and serve with straws.
Garnish with a slice of pineapple with a cocktail cherry.

La “Piña Colada” è un long drink che trova le sue radici in territori tropicali, dove il sole ne fa da padrona e la terra bagnata dal' oceano atlantico, regala frutti unici.
Si potrebbe parlare di un cocktail autoctono, visto l'utilizzo di ingredienti tipici delle zone; elementi fondamentali del drink.
"Rum, Cocco e Ananas"
La prima leggenda ci porta indietro nei tempi, in un periodo che vede il fenomeno della pirateria, un evento attivo nei mari delle Antille.

Il protagonista della leggenda è “Roberto Cofresi” (17 giugno 1791 - 29 marzo 1825), un giovane Pirata nato in Porto Rico a Cabo Rojo, che si è sempre sostenuto contrario allo sfruttamento dei Coloni Spagnoli delle risorse territoriali di Porto Rico, in particolare del' oro.
Meglio conosciuto come "El Pirata Cofresi" è il più famoso pirata di Porto Rico.
Si racconta di lui che fosse un Pirata generoso che tutto quello che depredasse dalle navi fosse condiviso con la popolazione povera.
Fu così considerato il “Robin Hood” di Porto Rico, tanto che nella sua città natale fu eretto un monumento in suo onore.
La leggenda narra che Roberto Cofresi offriva al proprio equipaggio una bevanda a base d'ananas, cocco e rum per aumentare il morale.
Della ricetta del suo intruglio non si ha nessuna testimonianza, questo perché si afferma che la ricetta fu persa quando il 29 Marzo del 1825 il Pirata e il suo equipaggio furono catturati e giustiziati. 

Secondo alcune fonti la “Piña Colada” è l’evoluzione di un drink di nome “Piña Fria”.

1972 - “Trader Vic’s Bartender’s Guide - Revised”
This is the original pineapple drink.
Pino Frio (with Rum)
2 ounces unsweetened pineapple juice
2 slices pineapple
1/4 onuce lemon juice
1 dash rock candy syrup
1 ounce light puerto Rican rum
Blend thoroughly in electric drink mixer with 1 scoop shaved ice.
Pour into planter's punch glass.

Ad alimentare questa ipotesi è senza dubbio la traccia scritta nel libro “Trader Vic’s Bartender’s Guide - Revised” del 1972; dove troviamo dopo la ricetta del drink in questione, quella del “Pino Frio - (with Rum)”.
Una bevanda composta da succo d'ananas, succo di limone, sciroppo di zucchero e in aggiunta alla ricetta, del rum.
Per capire l'ipotesi dell'evoluzione della "Piña Fria", bisogna leggere le varie tracce, lasciate nel tempo.
La prima testimonianza della "Piña Fria", risale al 1905 nel libro guida dell'isola di Cuba “Standard guide to Cuba” di Foster & Reynolds Co.

1905 - “Standard guide to Cuba” di Foster & Reynolds Co.
“There are many refrescos, or refreshments, made from the native fruits.
Piña fria is fresh pineapple, crushed and served in a glass with sugar and ice.”

Il testo ci racconta : "Ci sono molte bibite fresche realizzate con la frutta locale.
La Piña Fria” è una di queste, realizzata con ananas schiacciata e servita con zucchero e ghiaccio."
Si avrà una testimonianza più dettagliata sulla bevanda nel 1910 nel libro guida "In Cuba and Jamaica" di H.G. de Lisser.

1910 - “In Cuba and Jamaica” di H.G. de Lisser
“You ask for “pina fria,” and he takes a pineapple and and peels it and cuts it into large chunks and pounds it up with white sugar and ice and water, and hands the concoction to you in a huge, thick tumbler, and you find it delicious."

Ma il collegamento tra la “Piña Fria” e la “Piña Colada”, risale al 1926 nel libro guida "Terry Guide To Cuba" di T.P. Terry.

1926 - “Terry's guide to Cuba” di T. P. Terry 

Qui avremo la descrizione di una bevanda chiamata "Piña Fria Colada".
Una bevanda ottenuta da succo di mezza ananas, shekerata con ghiaccio e zucchero.
Stessa composizione della bevanda descritta nel 1905 che si differenzia in grandi linee solo per il nome.
1905 - "Piña Fria"
1926 - "Piña Fria Colada".
Nel 1922 avremo la prima testimonianza del nome "Piña Colada".
Nella rivista "Travel" troveremo indicato:

1922 - “TRAVEL magazine”
"But best of all is a piña colada, the juice of a perfectly ripe pineapple -- a delicious drink in itself -- rapidly shaken up with ice, sugar, lime and Bacardi rum in delicate proportions. What could be more luscious, more mellow and more fragrant?"

"Piña Colada", il succo di un ananas maturo…scosso con ghiaccio, zucchero,lime e rum Bacardi.
Ed ecco la "Piña Colada" ,una bevanda shakerata che non vede ancora l'utilizzo del blender e inoltre nei suoi ingrediente non vi è traccia ancora della noce di cocco o di suoi derivati.
Della presenza del cocco si avrà una testimonianza nel 1937 nel giornale "Middletown Times Herald".

1937 - "Middletown Times Herald" 
"They also sold a cocoanut[sic] and pineapple mixture called Pinacolada[sic]"

Vera e propria testimonianza della "Piña Colada" come oggi noi la conosciamo per i suoi ingredienti, risale al 1950, nel giornale "New York Time" del 16 Aprile.
Vedremo unire rum, ananas e latte di cocco.

1950, April 16 - “New York Times”
« Drinks in the West Indies range from Martinique's famous rum punch to Cuba's pina colada (rum, pineapple and coconut milk). Key West has a variety of lime swizzles and punches, and Granadians use nutmeg in their rum drinks. »

Chi si contende la paternità della versione moderna del drink sono esclusivamente tre “bartenders” .
Il 9 dicembre del 1949 a San Juan in Puerto Rico inaugurò il primo Hotel (in quei tempi) di lusso, il “Caribe Hilton Hotel” .
Il luogo della creazione è il “Beachcomber Bar”, dove uno dei primi Capi Barman fu Ramon ”Monchito” Marrero Perez.

Ramon ”Monchito” Marrero Perez

Si racconta che la direzione del Hotel commissiono a “Monchito”  di creare un nuovo drink a base di “Coco Lopez” per deliziare i nuovi palati; così il Barman sperimento per tre mesi prima di arrivare il 15 agosto 1954 alla ricetta finale.
Fu nello stesso giorno della creazione che la “Piña Colada”, servita ad un convegno del governo presso l’Hotel, riscosse un’ immediato successo.

Altro barman del “Caribe Hilton Hotel” a cui viene conferito la paternità del drink è Ricardo Gracia
Originario di Barcellona nel 1954 entro a far parte del personale del “Caribe Hilton Hotel”.

Era di consuetudine offrire ai propri clienti un drink di benvenuto chiamato “Coco-Loco”; un mix di cocco e rum servito in una noce di cocco fresco.
Un giorno iniziarono a scioperare i raccoglitori di cocco che decisero così di colpire anche l’Hotel facendoli restare senza frutto per i loro cocktails di benvenuto.
Gracia, molto intraprendente, non voleva servire la bevanda dentro dei semplici bicchieri, così sapendo che da poco l’Hotel aveva ricevuto un grosso carico di ananas, decise di scavare il frutto e servire la loro bevanda “Coco-Loco” all’interno del frutto, dando vita alla “Piña Colada”.

Altro personaggio a cui viene accredita la paternità della “Piña Colada” è Ramon Portas Mingot, barman al ristorante “La Barrachina” che nel 1963, realizzo la combinazione di rum, ananas e cocco.
Ad oggi, troviamo all’esterno del ristorante una placca di marmo con la scritta : “La Casa donde nacio en el año 1963 La Piña Colada por Don Ramon Portas Mingot”.

Un elemento fondamentale nella realizzazione del drink è senza dubbio la crema di cocco.
Si afferma che la prima “Piña Colada” sia stata realizzata con la crema di cocco della “Coco Lopez”, una bevanda del tutto Portoricana, inventata da Ramón López Irizarry.
Professore di agraria della Università di Porto Rico riuscì, grazie a dei fondi del governo, ad elaborare la propria crema di cocco che nel 1954 inizio a commercializzare personalmente.
La ricetta della “Piña Colada”  vede dei cambiamenti negli anni sia per reperibilità degli ingredienti che per lo sviluppo delle tecniche di miscelazione.
Vedremo quindi l'utilizzo di ingredienti come la Tequila in alternativa al Rum o l'utilizzo del liquore Malibu; arrivando ad inserire nella ricetta del' angostura bitter o del sale.
Altro ed importante cambiamento è senza dubbio il tipo di preparazione che vede il drink essere preparato inizialmente nello shaker per poi con l'avvento del Blender, passare ad una preparazione differente.

Ad aumentare la divulgazione della “Piña Colada” fu il brano scritto dal regista Rupert Holmes il 21 settembre 1979.
"Escape" più tardi conosciuta come "Escape (The Piña Colada Song).
Holmes dichiaro che non provò mai il cocktail prima di scrivere la canzone.

Il 17 luglio del 1978 il governatore Rafael Hernández Colón proclamò la “Piña Colada” bevanda nazionale di Porto Rico.

Interessante è trovare nel libro di Trader Vic del 1972  "Trader Vic's Bartender's Guide" la Ricetta del drink in questione senza l'utilizzo della crema di cocco, mentre troveremo la ricetta del drink "Bahia" con gli stessi ingredienti di una “Piña Colada” originale.
Si dice che Trader Vic usò il nome “Bahia” perché il nome “Piña Colada”  non suonava bene per lo stile "Tiki".

“Piña Colada”  di Ricardo Gracia from Webtender
one fresh pineapple
one green coconut
white rum
one cup crushed ice
Pour the juice of the coconut into a blender
Add a scoop of the coconut jelly (the gooey stuff between the milk and the meat)
Chop off the top of the pineapple and set aside
Hollow out the pineapple and place contents into the blender
Mix pineapple and coconut well
Add the rum
Add crushed ice and blend 5 minutes until Creamy
Pour pina colada into the hollowed out pineapple
Make a hole in the top of the pineapple for a straw, close and serve

“Piña Colada” from “Coco Lopez” website
2 ounces Coco Lopez ® Cream of Coconut
2 Ounces pineapple juice
1½ ounces Cruzan Estate ® Light Rum
1 cup of ice
Mix in blender until smooth

“Piña Colada” prima dell' avvento del “Blender”
A cup of shaved ice
4 ounces pineapple juice
1,5 ounces white rum
2 ounces coconut cream
Combine all ingredients in a shaker. 
Shake well.
Strain the mixture into a frozen 14 ounce Collins glass.
Then shaved ice directly from the shaker.
Garnish with a chunk of fresh pineapple.

1961 - From "Cocktail and Wine Digest the Barmen's Bible" by Oscar Haimo

1972 - From "Trader Vic's Bartender's Guide" Revised by Trader Vic

Piña Colada
2 oz golden Puerto Rican rum
3 oz unsweetened pineapple juice
Blend in electric drink mixer with 1 scoop of shaved ice for 10 to 20 seconds. Pour over ice cubes in a tall 10-ounce glass. Serve with a straw.

This is the original pineapple drink.
Pino Frio (with Rum)
2 ounces unsweetened pineapple juice
2 slices pineapple
1/4 onuce lemon juice
1 dash rock candy syrup
1 ounce light puerto Rican rum
Blend thoroughly in electric drink mixer with 1 scoop shaved ice.
Pour into planter's punch glass.

1980 - From "Cinzano Cocktail Book - The Complete Guide to Home Cocktails" by Michael Walker

1981 - From "The American Bartenders School Guide to Drinks" by Jack Tiano